Pallone Intragastrico (BIB)

Il pallone intragastrico o BIB (Bioenterics Intragastric Balloon) è un dispositivo medico sferico che viene introdotto nello stomaco al fine di indurre un precoce senso di sazietà nel paziente obeso e favorire il suo calo ponderale. Il palloncino viene posizionato nel fondo gastrico e lasciato per un periodo massimo di 6 mesi.

Inserimento del pallone intragastico
(Fig. A)
Inserimento del pallone intragastico
Riempimento del pallone intragastico
(Fig. B)
Riempimento del pallone intragastico
Rimozione sonda applicativa del pallone intragastico pieno
(Fig. C)
Rimozione sonda applicativa del pallone intragastico pieno
Pallone intragastico in funzione
(Fig. D)
Pallone intragastico in funzione

Regime dietetico ed esercizio fisico

Come per gli altri interventi mirati per il dimagrimento, anche il pallone intragastrico, necessita di impegno e determinazione da parte del paziente, al quale saranno indicati dei regimi dietetici specifici e programmi abbinati di esercizio fisico.

Quali tipologie di pallone intragastrico (BIB) esistono?

Il palloncino intragastrico è prodotto in silicone o materiale biocompatibile inerte e può essere di tue tipi:

  • BIB (Bioenterics Intragastric Balloon), un palloncino che viene riempito con soluzione fisiologica ed un colorante che induce la colorazione di feci e urine nel caso in cui si dovesse accidentalmente bucare;
  • Heliosphere, un palloncino intragastrico che viene gonfiato con aria.

Quando è indicato il palloncino intragastrico (BIB)?

Occorre considerare il palloncino intragastrico come una soluzione non permanente e può essere una tecnica candidabile per alcuni tipi di pazienti che presentano i seguenti gradi di obesità:

  • super obesità (BMI >50), per raggiungere un calo ponderale affinché il soggetto possa ridurre il rischio anestesiologico ed essere sottoposto a successivi interventi di chirurgia (bariatrica e non);
  • obesità di II grado (BMI 35-40), in caso di rifiuto della chirurgia bariatrica;
  • obesità di I grado (BMI 30-35), in caso di soggetti che vogliono ottenere un calo ponderale ma non sono candidabili ad un intervento di chirurgia bariatrica.

Come viene inserito e rimosso il palloncino intragastrico?

Posizionamento

L’introduzione del pallone intragastrico nel lume gastrico avviene tramite gastroscopia, previa accurata indagine locale per escludere eventuali controindicazioni. Prima dell’operazione, il paziente viene sedato o sottoposto ad anestesia generale. Il palloncino sgonfio viene quindi introdotto nel cavo orale e lungo l’esofago, fino al posizionamento nello stomaco dove viene gonfiato con aria (nel caso del palloncino Heliosphere) oppure riempito con soluzione salina e colorante (nel caso del BIB).

Rimozione

Dopo un periodo massimo di 6 mesi si procede con la rimozione che avviene sempre tramite endoscopia: l’aria o il liquido presenti all’interno del dispositivo vengono dapprima aspirati e, successivamente, il palloncino sgonfio viene estratto dalla bocca.

Meccanismo d’azione

Il meccanismo d’azione di tale dispositivo è quello di indurre un precoce senso di sazietà dopo l’introduzione del cibo. Infatti il palloncino intragastrico è in grado di agire come un bezoar artificiale.

Quali sono i rischi e le complicanze derivanti dall’uso del palloncino intragastrico?

Il rischio maggiore legato all’utilizzo del palloncino intragastrico, seppur raro, riguarda lo sgonfiamento e/o la migrazione dello stesso verso l’intestino tenue, causando erosioni o ostruzioni, per cui potrebbe essere necessario un intervento di rimozione.

Altre complicanze a lungo termine possono includere: nausea, dolori persistenti, dolori addominali e reflusso grastroesofageo.

Le complicanze immediate che possono insorgere temporaneamente dopo l’inserimento o la rimozione del dispositivo possono includere: crampi addominali, faringite ed esofagite.

Prenota una visita